Ecco quanti kiwi potremmo mangiare al giorno e quando secondo la scienza per una dieta equilibrata contro la stitichezza

I kiwi sono le vere star delle tavole invernali, piccoli, sodi e pelosi ma con un cuore verde e succoso.

Il loro gusto è inconfondibile: acidulo, vagamente dolce, rinfrescante e con una punta amara data dagli irremovibili semini.

Insomma, o si amano o si odiano, perché è difficile scendere a patti con un frutto così particolare. Tuttavia, sarebbero un pozzo di benefici, come sottolineato da questo estudio de Humanitas.

Sarebbero ricchi di vitamin C, ma anche di fibre, antiossidanti y potassio e sarebbero una fonte di carotenoidi and polifenoli.

Le nonne, poi, da generazioni li definiscono un lassativo naturale che permetterebbe di andare in bagno con regolarità.

En realta, una publicacion dell’Istituto Superiore di Sanità li inserirebbe proprio all’interno della dieta contro la stitichezza.

¿Qué viene a asumir? Quanti mangiarne? E quando?

A queste domande potremmo trovare una risposta nell’articolo di oggi.

Stitichezza en pastilla

Come abbiamo già detto, i kiwi potrebbero aiutarci in caso di problemi di stitichezza.

¿Qué cos’è la stitichezza?

Sarebbe un disturbo caratterizzato da difficoltà nell’espulsione delle feci spesso associata a una frequenza ridotta nell’andare in bagno, meno di 3 volte a settimana.

Otros síntomas frecuentes sarebbero:

  • producción de feci secche e/o dure;
  • dolor al loro passaggio;
  • Sforzi consistente durante la defecación.

Tale condizione, che può essere passeggera oppure cronica, potrebbe essere associata una causa diversa:

  • vida sedentaria;
  • assunzione di farmaci come quelli per l’ipertensione o antidepressivi;
  • malattie neurologiche come ictus, sclerosi multipla o Morbo di Parkinson;
  • disfunzioni motorie anorettali e/oa carico dell’intestino;
  • tumore del colon-retto;
  • dieta carente di fibre e liquidi.

Per trattarla dovremmo rivolgerci innanzitutto al nostro medico, che saprà darci le indicazioni migliori.

READ  Famelab, incluso los franquiciados de IIS Galilei publicaron su bandera en solo tres minutos

Tuttavia, proprio l’alimentazione potrebbe essere un buon punto di partenza.

Ecco quanti kiwi potremmo mangiare al giorno e quando secondo la scienza per una dieta equilibrata contro la stitichezza

Come sottolineato semper dalla pubblicazione dell’Istituto Superiore di Sanità già presa in considerazione, modicare la propria alimentazione potrebbe aiutare a combattere la stitichezza.

Anche se la dieta sarà personalizzata, buone regole generali sarebbero:

  • bere almeno 1,5 litri d’acqua al giorno anche sotto forma di tisane;
  • ridurre il consumo di bevande alcoliche, di tè e caffè;
  • la cantidad de fibra ai pasti quotidiani ma in maniera graduale per evitare di gonfiore addominale e gas in eccesso.

Quest’ultimo aspetto sarebbe particularmente importante para aumentare il peso delle feci y accelerare il loro transito.

Le fibre, quindi, sarebbero indispensabili e le possiamo asumido principalmente da cereali integrali, verdura e frutta.

Tra le varie tipologia di frutta suggerite troviamo proprio i protagonistai del nostro articolo: i kiwi.

Per orientarsi al meglio sul loro consumo, i suggerimenti sarebbero:

  • potremmo consumarli giornalmente;
  • come quantità quella previsto sarebbe 2 massimo 3 frutti di medie dimensioni;
  • questi sarebbero da consumare preferibilmente al mattino ea stomaco vuoto.

Allora, ecco qui quanti kiwi potremmo mangiare al giorno e quando secondo la scienza per una dieta equilibrata contro la stitichezza.

Consejería de letras

Molti cucinano la verza ma pochi sanno che potrebbe avere delle controindicazioni per chi ha problemi di tiroide e colon irritabile.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno especialista. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere semper il parere di un medico o di uno especialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell’autore consultabili QUI»)
READ  Cuatro razones para reducir la presencia de científicos en televisión - Corriere.it

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.