La norvegia fa tris con i salmoni

L’Italia va matta per il salmone norvegese: negli scorsi dieci anni le importazioni sono triplicate. Nella città di Tromsø (si scrive proprio così, con una barretta sulla “o” finale), oltre il Circolo polare, presso l’Associazione nazionale degli esportatori di pesce spiegano che il boom non rigliguarda solo l’Italia matri anche y si deve anche al forte incremento della produzione, grazie all’ampliarsi dell’allevamento; così il salmone è diventato più abbondante e menos costoso. En una Noruega, produce soprattutto petrolio e dispone (grazie agli idrocarburi) del fondo sovrano più ricco del mondo, davanti a quelo di Abu Dhabi, l’export di salmoni dà un contributo notevole di all’economia nazionale, pari a decina euro annui e in ulteriore crescita reciente.

In queste grandi «ceste» immerse nel mare di Tromsø vengono allevati i salmoni

Girando per i fiordi di questa propaggine artica d’Europa si vedono spuntare ovunque le enormi “ceste” in cui i salmoni vengono allevati. Ma Norvegia, sulle tavole italiane, è anche sinonimo di merluzzo (baccalà salato e stoccafisso essiccato). En Italia i flussi commerciali passano soprattutto attraverso Genova e Trieste, ma è puramente importante il mercato del Mezzogiorno, con qualità di merluzzo diversificate per lunghezza e colore a seconda dei gusti regionali.

Le notti di Tromsø sono lunghe in questa stagione ma possono essere iluminado dalle aurore boreali

La rete commerciale italiana segue le linee di una geografia storica che rimanda alle Repubbliche marinare: da Genova e da Venezia venivano qui a buye lo stoccafisso già nel Medioevo, in quanto alimento adatto alleazionihe.

A Tromsø d’inverno fa freddo, ma non così tanto come ci si potrebbe aspettare oltre il Circolo polare artico: qui arriva l’estrema propaggine della Corrente del Golfo (si pretende, il caldo Golfo del Messico)

Una notizia sorprendente appresa in loco: fra Tromsø a un estremo della filiera del pesce, e Genova e Trieste all’altro capo, si è instaurata una tradizione di scambio di figli fra aziende esportatrici e importatrici; lo scopo è far fare ai rampolli un’esperienza commerciale all’estero, ma poi, si sa, da cosa nasce cosa, e così nel corso delle generazioni ci sono stati diversi matrimoni misti, e sono nate dinastie di sangue italo-norvegese. Galeotto fu il merluzzo.

READ  Chiara Ferragni, eso es lo que gana: personajes locos

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.